LondraSera.com sono  7.000 pagine web in html - tutte le gif, i collegamenti, le idee e l'impegno messo nel web dal 2008 al 2012 è opera di Giovanni Greco

LA REDAZIONE WEB DI WWW.LONDRASERA.COM SCIOPERA

Www.LondraSera.com
è
proprietà intellettuale di
Giovecom

momentaneamente il sito www.londrasera.com
è off line
in quanto il direttore Bruccoleri
paga solo la tipografia
e non paga più la direzione del web
e il lavoro di aggiornamento che dal 2008 al 2012 ogni settimana è sempre
stato curato da
Giovanni Greco (proprietario del dominio www.londrasera.com)
e dal suo staff di segreteria, venditore e webmaster

* ... sinceramente, come tanti sanno ... ho umilmente diretto la parte web di questo giornale oltre ai lavori di creazione e mantenimento della segreteria : mille viaggi e contatti uno diverso dall'altro via mail e di persona dal 2008 al 2012. Lavoravo per il Made in Italy appunto, oltre alla creazione di queste 7.000 pagine web per londrasera.com. Ma colui che ci prometteva mari e monti ... poi sparì con la crisi!!! Tentando di depredarci del nostro lavoro. Ottimo lo schiavismo, perfetto nel 2012 ... a Londra poi ... E Perfect il lavoro a gratis, vero?! Devo dire grazie? Grazie. E Super le promesse protratte negli anni e mai mantenute. Mobbing? Di più. E la proprietà del lavoro intellettuale svolto ? E poi : sfruttare e non pagare persone per anni, aver dismesso un'intera redazione ... ecco un po di "crisi Made in It" ...
**C'è qualche giornalista che voglia prendere di petto questa faccenda? giovannigreco@londrasera.com ... IL SITO E' MOMENTANEAMENTE CHIUSO

Giovanni Greco
     
qui il link dell'Interrogazione Parlamentare al Senato della Repubblica
(firmata da tredici senatori)
  qui l'articolo de il Fatto Quotidiano

 

 
Legislatura 17 Atto di Sindacato Ispettivo n° 4-03136   Contributi all’editoria, tutti i soldi dei giornali italiani all’estero

Atto n. 4-03136  Pubblicato il 16 dicembre 2014, nella seduta n. 366

BUCCARELLA , BERTOROTTA , CASTALDI , MONTEVECCHI , CAPPELLETTI , SANTANGELO , DONNO , VACCIANO , ENDRIZZI , PAGLINI , GIROTTO , PUGLIA , CIOFFI - Al Presidente del Consiglio dei ministri. -
 
di Andrea Valdambrini | 18 ottobre 2014
Commenti


Premesso che:

si apprende da notizie di stampa ("il Fatto Quotidiano" del 18 ottobre 2014) che anche i giornali per gli italiani all'estero, testate che raggiungono tirature molto modeste, ricevono contributi governativi per l'importo di 2 milioni di euro, che nel 2014 sono stati portati a 3 milioni;

"I soldi vengono ripartiti tra meno di un centinaio di pubblicazioni molte delle quali ricevono contributi modesti intorno ai 10.000 euro annui. Spiccano però alcune testate che staccano decisamente le altre. Stando ai dati del 2012, gli ultimi disponibili, il primo fra tutti è L'Italiano (Argentina) con 219.000 euro l'anno, seguito da Comunità Italia (Brasile) 76.000, Corriere Italiano, Specchio e Cittadino Canadese (Canada) rispettivamente con 65.000, 60.000 e 47.000, fino alle riviste edite in Italia ma diffuse all'estero come Il messaggero di Sant'Antonio che riceve 66.000 euro e all'agenzia stampa Aise, con sede a Roma, che ne prende 53.000";

"Con 62.000 euro annui, tra i più finanziati anche Londra Sera, che però solleva più di un dubbio sulla qualità informativa nella comunità italiana della capitale britannica. Diretto dal fotografo Tommaso Bruccoleri, che lo pubblica dal 1976 con pochi e mal pagati collaboratori (come denuncia il webmaster, che dal 2012 ne ha addirittura bloccato la versione on line), il settimanale mette insieme agenzia stampa sulla vita degli italiani d'oltremanica, molte foto e pubblicità riuscendo a uscire in formato cartaceo di 16 pagine con una tiratura che, stando alle certificazioni arriva a 16.000 copie a settimana";

considerato che:

l'articolo prosegue riportando le dichiarazioni del Dipartimento per l'informazione ed editoria (Die) della Presidenza del Consiglio dei ministri relativamente alla ripartizione dei contributi: "La torta dei contributi viene ripartita sulla base di alcuni criteri, tra cui qualità informativa della pubblicazione, numero delle pagine, tiratura e copie diffuse. I gruppi editoriali più grandi sono di solito più organizzati e riescono a ricevere più soldi";

per quanto riguarda i controlli limitatamente alle riviste realmente diffuse e di interesse tale da meritare denaro pubblico il Dipartimento informa: "Per le testate che hanno effettivamente sede all'estero non abbiamo modo di verificare se non affidandoci alla rete consolare che ben conosce il territorio e può capitare che le pubblicazioni più collaborative con le istituzioni possano ricevere maggior attenzione";

inoltre il quotidiano riporta che le sedi consolari si limitano a registrare la presenza di pubblicazioni che richiedono il contributo pubblico per l'editoria all'estero, in quanto come riferiscono dal consolato di Londra: "Alla rappresentanza diplomatica, la legge non richiede di entrare nel merito della sostanza della pubblicazione. Nella commissione che decide la ripartizione delle quote i funzionari delle rappresentanze diplomatiche non figurano";

considerato inoltre che:

è giunta agli interroganti la segnalazione di un cittadino italiano, G.G., che lamenta di essere stato sfruttato dal direttore di "Londra Sera", avendo lavorato diversi anni senza ricevere alcun compenso economico per il giornale italiano, nonché di essere stato sottoposto a mobbing e stalking. Inoltre il lavoratore riferisce di aver subito svariate minacce ed intimidazioni da persona poco raccomandabile affinché lasciasse la direzione web con tutti i relativi contatti ottenuti con il suo impegno;

in particolare il cittadino avrebbe ricoperto diversi ruoli presso il suddetto giornale tra cui quello di webmaster di edizione web, segretario, venditore e promoter, e per ragioni di marketing contattava ogni settimana tutte le Regioni d'Italia, i consorzi, presidenti, senatori, assessori, produttori, testate giornalistiche per fare pubblicità del "Made in Italy" da tutte le Regioni a Londra,

si chiede di sapere:

se il Governo sia a conoscenza della deprecabile vicenda che ha visto coinvolto il webmaster, che non avrebbe mai ricevuto compensi per la direzione del web e per il lavoro di aggiornamento che dal 2008 al 2012 ogni settimana ha sempre curato per il giornale "Londra Sera";

se non ritenga urgente adottare iniziative, anche di carattere normativo, al fine di garantire una maggiore trasparenza nella gestione dei contributi pubblici per l'editoria all'estero, anche alla luce del caso esposto in premessa;

quali iniziative di competenza intenda assumere affinché si giunga ad un puntuale controllo dei periodici pubblicati all'estero, valutando se si tratti di periodici diffusi e di interesse tale per la comunità da considerare il contributo governativo, eliminando ogni possibile margine di discrezionalità che potrebbe portare a favorire "le pubblicazioni più collaborative con le istituzioni".

 

 

Gli italiani all’estero hanno anche la loro stampa. Se una parte di quella nazionale è finanziata dallo Stato, anche le pubblicazioni dei connazionali sparsi per il mondo ricevono i loro contributi governativi. La torta da spartirsi è di 2 milioni di euro. Poco a fronte dei quasi 56 milioni di stanziamenti attuali all’editoria nazionale. Ma mentre questi ultimi sembrano andare verso la decurtazione in i tempi di spending review, i 2 milioni vengono portati a 3 nel 2014. Segno che gli interessi politici verso le circoscrizioni estere non sono pochi.
 

I soldi vengono ripartiti tra meno di un centinaio di pubblicazioni (tabella 1- tabella 2molte delle quali ricevono contributi modesti intorno ai 10.000 euro annui. Spiccano però alcune testate che staccano decisamente le altre. Stando ai dati del 2012, gli ultimi disponibili, il primo fra tutti è L’Italiano (Argentina) con 219.000 euro l’anno, seguito da Comunità Italia (Brasile) 76.000, Corriere Italiano, Specchio e Cittadino Canadese (Canada) rispettivamente con 65.000, 60.000 e 47.000, fino alle riviste edite in Italia ma diffuse all’estero come Il messaggero di Sant’Antonio che riceve 66.000 euro e all’agenzia stampa Aise, con sede a Roma, che ne prende 53.000.

Con 62.000 euro annui, tra i più finanziati anche Londra Sera, che però solleva più di un dubbio sulla qualità informativa nella comunità italiana della capitale britannica. Diretto dal fotografo Tommaso Bruccoleri, che lo pubblica dal 1976 con pochi e mal pagati collaboratori (come denuncia il webmaster, che dal 2012 ne ha addirittura bloccato la versione online), il settimanale mette insieme agenzia stampa sulla vita degli italiani d’oltremanica, molte foto e pubblicità riuscendo a uscire in formato cartaceo di 16 pagine con una tiratura che, stando alle certificazioni arriva a 16.000 copie a settimana.

C’è da fidarsi? E chi controlla che sia tutto in regola? “La torta dei contributi viene ripartita sulla base di alcuni criteri, tra cui qualità informativa della pubblicazione, numero delle pagine, tiratura e copie diffuse” rispondono dal Dipartimento per l’informazione ed editoria (Die) della Presidenza del Consiglio. “I gruppi editoriali più grandi sono di solito più organizzati e riescono a ricevere più soldi”.

Come si fa però a controllare che si tratti di riviste realmente diffuse e di un interesse tale da meritare denaro pubblico? “Per le testate che hanno effettivamente sede all’estero non abbiamo modo di verificare se non affidandoci alla rete consolare che ben conosce il territorio”. Se è così il margine di discrezionalità appare molto ampio e “può capitare che le pubblicazioni più collaborative con le istituzioni possano ricevere maggior attenzione”, fanno capire dal Die.

È davvero così? “Alla rappresentanza diplomatica, la legge non richiede di entrare nel merito della sostanza della pubblicazione ” rispondono dal consolato di Londra. E ancora: “Nella commissione che decide la ripartizione delle quote i funzionari delle rappresentanze diplomatiche non figurano”. Insomma, le sedi consolari si limitano a registrare la presenza di pubblicazioni che richiedono il contributo pubblico per l’editoria all’estero. Sono altri i responsabili della buona o cattiva scelta.
E qui si potrebbe pensare al ruolo dei Comites, i comitati degli italiani all’estero di dubbia utilità di cui è in corso il rinnovo in questi giorni, che effettivamente hanno voce in capitolo nella segnalazione delle testate che meritano fondi per l’editoria. Il caso di Londra Sera non sarà certo unico al mondo, e forse neppure il peggiore. E soprattutto, la poca trasparenza non aiuta a capire se questi soldi – come sempre i nostri – sono spesi bene oppure no.

@andreavaldambri

Il Fatto Quotidiano, 16 ottobre 2014

 

 

 

 

 

 

     

Mr Bruccoleri ha speso anni (dal 2012 al 2015) a diffamare e minacciare la sua stessa redazione (noi di questo sito web www.londrasera.com che abbiamo lavorato sodo settimanalmente dal 2008 al 2012); ma in più, senza darci alcun compenso e rimangiandosi tutte le promesse che ci aveva fatto ... non solo si autoelegge MINISTERO DELL'INFORMAZIONE, ma in barba a tutti dopo aver incassato 62.000 euro PAGA pure una nuova redazione web e apre un nuovo sito web.
 

Ma poi leggiamo il MINISTERO DELL'INFORMAZIONE
cosa promette nel cartaceo:
 "GIORNALISMO PER PROFESSIONISTI
   Diventa giornalista professionista
   in Gran Bretagna e poi in Italia.
  
In meno di tre mesi
   otterrai la tessera di giornalista
   professionista, e la tessera
   di giornalista Internazionale
   riconosciuta dalle autorità
   di tutto il mondo.."

E A NOI, LA SUA VECCHIA REDAZIONE WEB DI WWW.LONDRASERA.COM CHE CI HA SCHIAVIZZATI PER 5 ANNI?
Mtzè, Mr Bruccoleri ... Mtzè!

 

     



Miss Italia con Giovanni Greco - direttore LONDRA SERA INTERNATIONAL
 


This Week
Categories Grande Distribuz.
Cucina Italiana Vino Italiano

This Week Our Videos
Gallery FOTO CRONACHE
dal  Bel  Paese

Bookmark and Share


Menù Made in It
CATEGORIES Contact
Underground Home Page 2011
Friendly Site Home Page 2010

Alcohol e Irriconoscenza

Secondo l'OMS, gli alcolisti "sono bevitori con una dipendenza alcolica che ha raggiunto livelli così alti da mettere in evidenza un marcato disturbo fisico od una chiara interferenza con la loro salute fisica e mentale, con le loro relazioni interpersonali e con il loro armonico sviluppo sociale ed economico, oppure quei soggetti che mostrano i segni prodromici (iniziali) di una simile evoluzione patologica".

Fondazione Serono

 
 

Last Week

 
    1° num 1-7 gen 2° num 9-14 gen 3° num 15-21 gen
    4° num 22-28 gen 5° num gen - marz 6° num 5-11 feb
 
Ambasciata Consolato
Italian Chamber Italian Cultural Institut
 
Queen's Tennis Club
London Library
 
AMIRA Cucina Italiana in UK
Definitive Italian Wine Made in Italy in London
Wine Food Promotion Wine Tasting in London
IL RE della PASTA GIOVANNI RANA L'AMBASCIATA CELEBRA
L'ITALIA DEL VINO
An Italian Af-Fair  
Foto Cronache 2011
Moda Italiana
Arte
LONDON WEBCAM
Advertising in London
Olimpiadi Londra 2012

Profumo al Club di Londra
È ASSOLUTAMENTE NECESSARIO USCIRE DA QUESTA CRISI CON PIÙ EUROPA
L’IMPRENDITRICE CHE HA A CUORE I VINI D’ITALIA Viva l’Italia
 Le case di moda celebrano l’Unità d’Italia
TAKE A LOOK : London Webcam
 
Rome
 
"UN GIOIELLO DEL GIORNALISMO
ITALIANO ALL'ESTERO"
Premiato con Medaglia d'Argento dall'Ordine Nazionale dei Giornalisti
il nostro direttore-editore Commendatore Tommaso Bruccoleri
 
London

LONDRA SERA - Italian NewsWeek, nato nel 1976 dedicato ai connazionali residenti in UK. LONDRA SERA è distribuito nelle città di Londra, Manchester e Bedford, negli aeroporti di Luton, Stansted e Gatwick. LONDRA SERA giornale italiano più diffuso a Londra, distribuito nelle edicole e nelle librerie specializzate, si può trovare anche al Bar Italia, al National Geographic di Regent Street, al Consolato, in Ambasciata, all'Istituto Italiano di Cultura, alla Camera di Commercio, Enit e nei posti dove più è concentrata la comunità anglo-italiana, oltre alla diffusione settimanale negli Uffici di rappresentanza Italiana nel mondo. Disponibile per abbonamento in tutto il mondo.

Le pagine del WebSite di Londra Sera sono in continuo allestimento. Lo staff di Londra Sera si scusa con i lettori e gli insersionisti per eventuali ritardi nell'aggiornamento del nostro portale. La redazione augura buone feste a tutti i nostri affezionatissimi lettori, che sempre più numerosi ci seguono e ci continuano a seguire.  Grazie di cuore.

 
Sagida Syed, direttore editoriale di Londra Sera, presenta in questo video la nostra pubblicazione in AMBASCIATORE ECONOMIDES
presenta le CREDENZIALI
CONFERENZA BANCARIA della CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA A LONDRA LONDRA SERA 3
CineFoto
 2010
     

https://www.youtube.com/watch?v=EPhP2UiYbUM

Italiani all'Estero, i partiti chiedono il Governo risponde Linea Mondo - Speciale Italiani nel Mondo In studio Eugenio Marino (Resp. Pd Italiani nel mondo), Gianluigi Ferretti (Direttore de l’Italiano), Basilio Giordano (Senatore PDL). In collegamento da Londra il direttore di Londra Sera International Giovanni Greco. 2 febbraio 2012 

 
take a look for this video

numero 12
 
I nostri Video
 
 
Viva l'Italia

numero 12

AUGURI ITALIA  

Mariano Rubinacci, H.E. Alain Giorgio Maria Economides, Lois Ceru

 
 
 


Nel Regno Unito, il primo Paese che ha riconosciuto il nuovo Stato appena unificato, dopo aver seguito con entusiasmo l’epopea risorgimentale, numerose iniziative hanno offerto l’occasione per celebrare insieme questo importante anniversario.  Si è svolto nei saloni della Residenza  di S.E. Alain Giorgio Maria Economides, Ambasciatore d’Italia nel Regno Unito, un ricevimento per celebrare la ricorrenza dei 150 anni dell’Italia Unita. All’incontro hanno partecipato tutti i rappresentanti delle prestigiose case di moda italiana presenti a Londra. Tra coloro che promuovono nel mercato inglese i grandi marchi della moda nazionale, abbiamo notato l'impareggiabile maestro sartoriale Mariano Rubinacci, i cui vestiti sono delle vere e proprie opere d’arte che rappresentano egregiamente il genio e la fantasia creativa dello stile italiano nel mondo. 
Erano anche presenti le case storiche come Brioni, Canali,Valentino, Fendi, Krizia, Missoni, Laura Biagiotti, Caovilla, Versace, Gucci, Corneliani, Ferragamo, Botteca Veneta, Moschino, Diesel, Kiton, Fratelli Rossetti, Tods, Armani, Cesare Paciotti, Buccellati, Dolce & Gabbana, Pal Zilieri, Pomellato, Etro, Geox, Prada, Vicedomi, Max Mara, Loro Piana, Furla, Zegna, Benetton, Carpisa, Roberto Cavalli, Boggi, e tantissime altre maisons, simboli dell'affascinante seduzione dell'alta moda italiana che in Inghilterra rappresentano un settore in continua espansione.

 

Il giornale della Comunità Italiana a Londra
ANNO XXXVI 2012
7° num 13-19 feb

 
 


 

 
Per vendere bene in Gran Bretagna, o sei a Londra o sei su LONDRA SERA!
 
il primo giornale italiano del
 
Made in Italy
a grande diffusione.

LONDRA_SERA_we_are_the_first_and_still_the_best

Siamo lieti di poter annoverare tra i nostri lettori Max Clifford,  il guru mondiale dei pubblicisti e dei P.R.
e protagonista delle trattative nel caso John Terry, Vanessa Perroncel e Fabio Capello

 

 
 
 

   
 

Se siete interessati ad aprire una nuova attività nel Regno Unito, ma non sapete come fare o cosa fare, GrayFox LTD può aiutare a gestire tutti gli aspetti del processo coinvolto nel dare vita ai vostri sogni. Registrare il nome della società, aprire un conto bancario di business, gestire le finanze, GrayFox LTD fornisce la cura totale del tuo interesse, in modo tale che non hai nulla da preoccuparti!

 

   
LONDRA SERA
lo troverai anche da: 
 
CIPRIANI, 25 Davies Street, W1K 3DE
CECCONI'S, 5a Burlington Gardens W1S 3EP
PARTRIDGES, 2-5 Duke of York Square SW3 4LY
BAR ITALIA, 22 Frith Street Soho, W1V 5TS
GRAN CAFFE, 32-34 Hans Crescent, Knightsbridge SW1

ed in tantissimi altri posti della pulsante Londra 
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER -
Club Amici di LONDRA SERA

 

 

Join the Mailing List
Enter your name and email address below:
Name:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

 

Londra 

Puntualmente
ogni settimana
le notizie che contano
della nostra Penisola

 

MINISTERI

Ministero degli Affari Esteri
Ministero dell'Ambiente
Ministero per i Beni e le Attività Culturali
Ministero del Commercio con l'Estero
Ministero delle Comunicazioni
Ministero della Difesa
Ministero delle Finanze
Ministero dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato
Ministero dell'Interno
Ministero dei Lavori Pubblici
Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale
Ministero delle Politiche Agricole e Forestali
Ministero della Pubblica Istruzione
Ministero della Sanità
Ministero del Tesoro, del Bilancio e della Programmazione Economica
Ministero dei Trasporti e della Navigazione
Ministero dell'Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica

 

 

 

REGIONI E PROVINCIE AUTONOME

Regione Abruzzo
Regione Basilicata
Regione Calabria
Regione Emilia Romagna
Regione Friuli-Venezia Giulia
Regione Lazio
Regione Liguria
Regione Lombardia
Regione Marche
Regione Piemonte
Regione Puglia
Regione Sardegna
Assemblea Regionale Siciliana
Regione Toscana
Regione Trentino-Alto-Adige
Regione Umbria
Regione Veneto
Provincia Autonoma di Bolzano
Provincia Autonoma di Trento

 

 

 
Il dominio Www.LondraSera.com è proprietà intellettuale di Giovanni Greco


METROPOLITAN LONDON MAP - UNDERGROUND - TUBE MAP
 


on line da Febbraio 2010



LONDRA_SERA_Stemma

 

 

 

info@londrasera.com | redazione@londrasera.com | corrispondenza@londrasera.com | editorial@londrasera.com | giovannigreco@londrasera.com

 

sei il visitatore numero

 

dal 12/8/2010